Ultima modifica: 25 Aprile 2020
I.T.I. "G. Marconi" > In primo piano > Noi insegnanti ed i nostri ragazzi …..articolo della collega Romano

Noi insegnanti ed i nostri ragazzi …..articolo della collega Romano

Noi insegnanti e i ragazzi: così uniti a distanza nel superare insieme i nostri limiti

 

Una preghiera per gli insegnanti, «che devono lavorare tanto per fare lezioni via internet e altre vie mediatiche». E una preghiera anche per gli studenti, «che devono fare gli esami in un modo nel quale non sono abituati». A loro è rivolto il pensiero di Papa Francesco, sensibile e presente con la sua profonda umanità. A loro, che si ritrovano a vivere l’esperienza complessa della scuola a distanza. Già difficile di suo, ma ancora di più se dietro ai banchi – oggi virtualmente sostituiti dagli schermi di pc, tablet e smartphone – ci sono ragazzi con disabilità. Ancora una volta messi di fronte alla loro fragilità. A dialogare con questi studenti, dall’altra parte del monitor, ci sono gli insegnanti di sostegno. Privati della loro cattedra, ma forti del loro ruolo indispensabile. Pieni di interrogativi, dubbi, ma anche di tanta passione generosa e buona volontà. Tra loro c’è anche Maria Grazia, “insegnante di sostegno precaria di questa Italia” – del coronavirus, e non solo – come lei stessa si definisce, firmando questa preziosa riflessione che ha voluto condividere con noi InVisibili.

[prof.ssa Maria Grazia ROMANO]

Romano